Come migliorare l’usabilità

migliorare usabilita

Come migliorare l’usabilità?

Spesso mi trovo a dover spiegare cos’è e come migliorare l’usabilità (in inglese Usability), un termine che fa parte del concetto di “User Experience”. L’usabilità valuta la facilità d’uso delle interfacce utente e secondo Jacob Nielsen è definita da 5 componenti di qualità:

  • Facilità di apprendimento: quanto è facile per gli utenti svolgere le attività di base la prima volta che navigano nell’interfaccia?
  • Efficienza: una volta che gli utenti hanno imparato ad utilizzare l’interfaccia, in quanto tempo eseguono le attività?
  • Facilità di memorizzazione: quando gli utenti tornano sull’interfaccia dopo un periodo di non utilizzo, con quanta facilità ricordano l’utilizzo?
  • Errori: quanti errori fanno gli utenti, quanto sono gravi questi errori e quanto facilmente possono imparare dagli errori
  • Soddisfazione: quanto è piacevole usare l’interfaccia?

Ma ci sono molti altri importanti attributi di qualità. Uno molto importante è l’utilità, che si riferisce alle funzionalità dell’interfaccia. La domanda è: Fa ciò di cui gli utenti hanno bisogno?

Usabilità e utilità sono entrambi importanti e insieme determinano se qualcosa è utile: poco importa che qualcosa sia facile da usare se non è quello di cui gli utenti hanno bisogno. Inoltre, non va bene se il sistema ha quello di cui gli utenti hanno bisogno, ma non riescono ad utilizzarlo perché l’interfaccia utente è troppo difficile da usare.

Perché l’usabilità è importante

Sul Web, l’usabilità è una condizione necessaria per la sopravvivenza.

  • Se un’interfaccia è difficile da usare, le persone se ne vanno.
  • Se la homepage non riesce a indicare chiaramente cosa offre un’azienda e cosa possono fare gli utenti sul sito, le persone se ne vanno.
  • Se gli utenti si perdono su un sito web, se ne vanno.
  • Se le informazioni di un sito Web sono difficili da leggere o non rispondono alle domande chiave degli utenti, se ne vanno.

Al contrario di altri prodotti, non esistono manuali che un utente legge prima di accedere al nostro sito web. Il web è pieno di siti web facili da usare, ricorda che l’abbandono è la prima linea di difesa quando gli utenti incontrano difficoltà di utilizzo.

Ricorda che la prima legge dell’eCommerce è che se gli utenti non riescono a trovare il prodotto che cercano di sicuro non possono neanche comprarlo.

Come migliorare l’usabilità

Esistono molti metodi per migliorare l’usabilità, ma il più semplice e utile è il test dell’utente, che ha 3 componenti:

  • Entra in contatto con alcuni utenti, come i clienti di un sito di e-commerce o i lettori del tuo blog.
  • Chiedi agli utenti di eseguire alcune azioni sul tuo sito web.
  • Osservare cosa fanno gli utenti, dove hanno successo e dove hanno difficoltà con l’interfaccia utente. Zitto e lascia che gli utenti parlino.

È importante testare individualmente gli utenti e consentire a loro di risolvere autonomamente eventuali problemi. Se li aiuti o indirizzi la loro attenzione su una particolare parte dello schermo, hai contaminato i risultati del test.

Testare 5 utenti è in genere sufficiente per identificare i problemi di usabilità più importanti di un progetto. Anziché eseguire uno studio grande e costoso conviene eseguire molti piccoli test e rivedere il design in modo da poter correggere i difetti di usabilità non appena li si identifica.

Il design iterativo, che è possibile creare con alcuni di questi Tools, è il modo migliore per aumentare la qualità dell’User Experience. Più versioni e idee di interfaccia testate con gli utenti, meglio è.

Il test utente (user test) è diverso dai focus group, che sono un modo scadente di valutare l’usabilità del design. I gruppi di discussione vanno bene per le ricerche di mercato, ma per valutare i progetti di interazione è necessario osservare da vicino i singoli utenti mentre eseguono compiti con l’interfaccia utente. Ascoltare ciò che la gente dice è fuorviante: devi guardare cosa fanno realmente.

Quando lavorare sull’usabilità

L’unico modo per un’esperienza utente di alta qualità è avviare i test degli utenti nelle prime fasi del processo di progettazione e continuare a testare in ogni fase del processo.

L’usabilità gioca un ruolo importante in ogni fase del processo di progettazione. La conseguente necessità di più studi è uno dei motivi per cui consiglio di rendere gli studi individuali (no focus group), rapidi ed economici (5 utenti non 1000).

Ecco i passaggi principali:

  1. Prima di iniziare il nuovo design, prova il vecchio design ed identifica le parti buone che dovresti mantenere o enfatizzare e le parti difettose che danno agli utenti problemi.
  2. Conduci uno studio sul campo per vedere come si comportano gli utenti nel loro habitat naturale.
  3. Realizza prototipi su carta (wireframe) di una o più idee di design nuove e subito dopo provale. Meno tempo investi in queste idee di design e meglio è, perché dovrai cambiarle tutte in base ai risultati del test.
  4. Affina le idee di progettazione che testano meglio attraverso più iterazioni, passando gradualmente dalla prototipazione su carta alle rappresentazioni ad alta fedeltà eseguite sul computer. Prova ogni iterazione
  5. Ispeziona il design in relazione alle linee guida di usabilità.
  6. Una volta deciso e implementato il progetto definitivo, testarlo di nuovo. Sottili problemi di usabilità si insinuano sempre durante l’implementazione.

Dove testare

Se esegui almeno uno studio utente a settimana, vale la pena costruire un laboratorio dedicato per l’usabilità. Per la maggior parte delle aziende, tuttavia, è bene condurre test in una sala conferenze o in un ufficio, purché sia possibile chiudere la porta per evitare distrazioni. Ciò che conta è che tu test il tuo progetto su utenti reali e ti siedi con loro mentre usano l’interfaccia. Un blocco note è l’unica attrezzatura di cui hai bisogno.

Author Giampiero Lamanna

More posts by Giampiero Lamanna

Leave a Reply

www.giampierolamanna.com - All rights reserved.